Carl Gustav Jung: dopo la morte

Credere e sapere, inizio e fine, spazio e tempo: per la psiche queste categorie non conoscono confini netti, bensì infinite possibilità di trasformazione. E se fosse così anche per la nostra esistenza finita?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.